Funziona molto bene il progetto dell’assegno per il servizio civico promosso dal Comune di Ferentino. Una iniziativa pilota per il territorio, che sta rappresentando una risposta reale alla domanda di assistenza per quei cittadini e le relative famiglie che vivono situazioni di disagio e di rischio emarginazione, sia legate alla mancanza di lavoro che a specifiche situazioni personali.

Un’altra scelta che si è dimostrata vincente da parte dell’Amministrazione comunale guidata dal sindaco Antonio Pompeo. Anche perché, attraverso le attività che il progetto riesce e a garantire, costituisce anche un valore aggiunto in termini di servizi e manutenzione per il territorio. Dunque, un beneficio per la città e per coloro che possono usufruire di questo strumento di contrasto al disagio economico.

In questi giorni, i lavoratori attualmente impiegati nel progetto, coordinati dal funzionario del Comune Oreste Datti, stanno pulendo e bonificando da sterpaglie e immondizia una delle strade di accesso alla città più trafficate, la consortile nella zona industriale.

L’obiettivo è quello che l’Amministrazione comunale persegue in ogni intervento che porta avanti: offrire maggiore decoro, più fruibilità e sicurezza, in particolare quando si tratta di viabilità, nello specifico rispetto ad uno degli accessi principali alla città.

“L’assegno per il servizio civico – ha spiegato il sindaco Antonio Pompeo – è stata una scelta vincente per il Comune di Ferentino. Un progetto innovativo che ha anticipato il dibattito e i provvedimenti simili in termini di lavori di pubblica utilità a livello nazionale e regionale.

Lo scorso anno, alla sperimentazione del provvedimento, abbiamo riscontrato la validità della misura, capace di garantire dignità e reddito e lo abbiamo riproposto”.

“Non la risoluzione del problema, ma un aiuto concreto. Non un semplice contributo assistenziale, ma un progetto di inserimento sociale attivo, in cui attraverso un lavoro di pubblica utilità si possa essere destinatari di un sussidio – ha aggiunto l’assessore ai servizi sociali Luigi Vittori – Un progetto che mette al centro le persone e il lavoro, valorizza il ruolo di ciascuno e la possibilità di dare un contributo per migliorare la nostra città. Una iniziativa che sicuramente continueremo a riproporre anche nel prossimo periodo perché funziona”.