Novità importanti per il sistema scolastico nella città di Ferentino: cresce la qualità dell’offerta formativa. Con l’approvazione del Dimensionamento da parte della Regione Lazio viene potenziata l’offerta dell’IIS “Martino Filetico” e quella dell’Itis Don Morosini. Per il Filetico, dall’anno scolastico 2019-2020, è previsto l’avvio dei corsi del Liceo Linguistico, mentre per il Don Morosini, nell’ambito dell’indirizzo di studi “Elettronica ed Elettrotecnica”, ci sarà la nuova articolazione in “Automazione”.

Ferentino dunque, si dimostra centro d’eccellenza del sistema scolastico territoriale, sia attraverso le opportunità che garantisce ai ragazzi, sia per l’importante attenzione da sempre riservata allo sviluppo delle strutture. Ricordiamo, che solo in questo ultimo anno è stata inaugurata la nuova scuola Simone Cola, ampliata la Belvedere, e messa a disposizione dei ragazzi la Palazzina Aeronautica dell’Itis, senza contare la costante manutenzione e attenzione al decoro di tutti gli istituti presenti.

Soddisfazione è stata espressa da Antonio Pompeo, nel duplice ruolo di sindaco e di Presidente della Provincia: “E’ stato fatto un grande lavoro di concertazione tra le scuole, il Comune e la Provincia e abbiamo portato all’attenzione della Regione Lazio una proposta credibile che si fonda sulla qualità che da sempre contraddistingue il sistema scolastico della città di Ferentino. Questo ci ha permesso di ottenere quanto è stato richiesto. Verranno mantenuti i due istituti comprensivi e ci saranno due opportunità in più per coloro che sceglieranno il Filetico e l’Itis: il Liceo linguistico e l’indirizzo Automazione. Si tratta di due novità di rilievo, perché permetteranno di acquisire competenze richieste dal mercato del lavoro. Voglio ringraziare la Regione Lazio e il consigliere provinciale Germano Caperna che ha seguito, con la solita competenza e attenzione, l’intero iter”.

Anche l’assessore Evelina De marco ha commentato il provvedimento: “Cresce il nostro sistema scolastico. E questo è sicuramente un bene. Funziona la collaborazione tra istituzioni e mondo della scuola”.