Esplora contenuti correlati

Uffici del Bastione, consegnate le chiavi ai tartufai e ai Moti Carbonari

22 Gennaio 2021

Ad aggiudicarsi la gestione in comodato d’uso gli uffici adiacenti alla Sala del Bastione, di proprietà del Comune di San Miniato, sono state due associazioni del territorio: i Moti Carbonari e l’associazione tartufai. La consegna delle chiavi è avvenuta oggi (22 gennaio) alla presenza del sindaco Simone Giglioli e dell’assessore Elisa Montanelli. Resteranno in gestione e ad uso esclusivo alle due associazioni, fino al 31 dicembre 2024, con l’impegno svolgere la manutenzione ordinaria e l’obbligo di mantenere i locali efficienti e decorosi.
“Abbiamo indetto un bando per dare in gestione gli uffici adiacenti alla Sala del Bastione perché volevamo poter valorizzare questi spazi, al centro della nostra città che, dopo il trasferimento degli uffici comunali, erano rimasti inutilizzati – spiegano il sindaco Simone Giglioli e dell’assessore Elisa Montanelli -. Lo scopo del bando era quello di scegliere realtà del nostro territorio che promuovessero e valorizzassero le risorse culturali di San Miniato, oltre ad adoperarsi per la salvaguardia dell’ambiente e la conservazione delle tradizioni locali e dei saperi. E queste due associazioni lavorano proprio in questa direzione – e proseguono -. La gestione di questi spazi non ostacolerà quella della sala polivalente: l’accordo con le associazioni prevede, infatti, che la sala (da 99 posti) resti al Comune e    possa essere concessa, dietro pagamento di tariffa, a chiunque ne faccia richiesta, come avveniva anche prima – e concludono -. Gli uffici del Bastione sono uno spazio nella città e della città che, siamo sicuri, insieme alla sala, diventeranno sempre di più un fulcro per l’attività culturale di San Miniato”.
Soddisfazione viene espressa dai due presidenti delle associazioni. “I Moti Carbonari hanno la loro sede ‘naturale’ lungo i vicoli – spiega il presidente Alessio Guardini -. Tuttavia è molto importante per noi poter usufruire di questo spazio perché ci permette di far conoscere l’attività della nostra associazione che è anche culturale, attraverso progetti e la possibilità di lavorare in collaborazione con altre associazioni di San Miniato. Grazie all’uso di questi uffici, baricentrici, siamo più vicini ai cittadini e alla città, e siamo sicuri di poter far fare conoscere ancora meglio quello che facciamo”.
“Siamo molto felici di avere lo spazio per poter allestire l’ufficio dell’associazione tartufai che può così traslocare dai locali in piazza del Popolo – spiega il presidente Renato Battini -. La nostra è una realtà grande, che vanta circa 400 associati, provenienti da 30 diversi Comuni toscani. E finalmente questo spazio diventa la nostra sede ufficiale, permettendoci di strutturare al meglio anche le nostre attività. Per questo voglio ringraziare il Comune che ci ha offerta una possibilità per noi molto importante, valorizzando l’operato dei tartufai”.