Foto Palumbo 5Cerimonia veramente commovente ieri, 17 settembre, all’Isiss “Galilei” di Sparanise: il professore Amato Palumbo, storico docente di educazione fisica della scuola, va in pensione dopo oltre 48 anni di insegnamento; 35 dei quali trascorsi proprio nella scuola sparanisana. Ha insegnato infatti, presso il Galilei di Sparanise dal setttembre 1980 allo scorso anno, mentre altri 15 anni li ha trascorsi tra l’Istituto “Stefanelli” di Mondragone ed il “Florimonte di Sessa Aurunca”. Una vera perdita per la scuola e per il paese per un bravo ed amato docente che va in pensione dopo oltre 45 anni di apprezzato lavoro. L’occasione è stata l’inaugurazione del nuovo anno scolastico, cui hanno partecipato il Dirigente Scolastico prof. Paolo Mesolella, il sindaco dott. Antonio Merola, gli assessori Rosanna De Simone, Lea Consoli e Assunta Izzo, il parroco don Liberato, il maresciallo dei Carabinieri Giuseppe Bisesto, i rappresentanti dei genitori e il rappresentante degli studenti in Consiglio di Istituto, Valerio Liuzzi. E’ stata una buona occasione per parlare della scuola sparanisana (dei suoi obiettivi e delle sue necessità) ma anche per salutare l’amministrazione comunale, il sindaco Merola, il parroco, il maresciallo ed avviare l’ accoglienza degli alunni iscritti quest’anno agli indirizzi Informatico, Amministrazione-Finanza e Marketing e al Liceo Scientifico delle Scienze Applicate.La cerimonia, organizzata dalle prof.sse Teresa Capuano e Silvia Delle Fave, ha coniugato insieme l’opportunità di un saluto e di un augurio a docenti e alunni, con la necessità dell’accoglienza. Sia il sindaco Merola che il maresciallo Bisesto, hanno ricordato agli alunni l’importanza dello studio e della legalità : Questa scuola – hanno detto- è stata costruita su un terreno sequestrato alla camorra, per cui è e deve rimanere una scuola di legalità”. Don Liberato, da parte sua ha ribatito la necessità di impegnarsi tutti, ciascuno per la sua parte per far crescere la scuola e la sua offerta formativa. Suggestivo il momento del saluto al prof. Amato Palumbo, cui è stata donata una targa ed una collanina d’oro. Il prof. Antonio Pepe ed il preside Mesolella, hanno ricordato a tutti i presenti, le doti umane e professionali del professore Amato che per 35 anni ha portato gli alunni alle finali regionali e nazionali nel Tennis, nella pallamano, nell’orientering e nella pallavolo ed ha li ha anche avvicinati ai giocatori professionisti del Napoli calcio, portandoli a vedere le partite del Napoli allo stadio San Paolo e agli allenamenti di Soccavo. Li ha informati infine sui problemi e sui valori che lo stesso sport può presentare dagli anaboilizzanti al doping ai suoi valori autentici che l’attività sportiva può promuovere come un’equilibrata maturità psicofisica, ed un forte senso dell’impegno, della costanza, dello sforzo e del rispetto per gli altri.