Esplora contenuti correlati

Catania – Controllo del territorio nel catanese

28 Settembre 2017

28.9.2017 – I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Catania Piazza Dante hanno arrestato nella flagranza un 21enne, un 24enne, un 34enne ed un 45enne. Nella tarda serata di ieri, i militari, a conclusione di una breve attività info investigativa finalizzata a contrastare il fenomeno dello spaccio nel centro storico, hanno proceduto ad una perquisizione in un abitazione in via Santa Maria della Catena sorprendendo i quattro intenti a confezionare delle dosi di droga per poi poterle spacciare. Nella circostanza i Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato nell’appartamento 30 grammi di cocaina, 3 grammi di marijuana, la somma in contante di 615 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio, un bilancino elettronico di precisione, un libro mastro con appunti di vendita della droga, e vario materiale utilizzato per confezionare lo stupefacente. Inoltre gli operanti nell’appartamento, che i quattro avevo in uso per svolgere l’attività illecita, hanno sequestrato dei monitor e delle videocamere esterne piazzate che arano state piazzate per vigilare l’ingresso principale. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati posti ai domiciliari in attesa di essere giudicati con rito direttissimo.
28.9.2017 – I Carabinieri del Nucleo Radiomobile del Comando Provinciale hanno arrestato nella flagranza un 37enne catanese, poiché ritenuto responsabile di evasione. La scorsa notte, l’equipaggio di una “gazzella”, nell’espletare il controllo del territorio a San Cristoforo, ha sorpreso l’uomo a passeggio in Via Scaldara in evidente violazione dei vincoli ristrettivi cui era sottoposto.L’arrestato, in attesa della direttissima, è stato ricollocato agli arresti domiciliari. 28.9.2017 – I Carabinieri della Tenenza di Mascalucia hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto un 39enne catanese, poiché ritenuto responsabile di rapina aggravata, furto aggravato e ricettazione.
Era diventato il terrore degli automobilisti in transito, in special modo donne, che fermandosi ai semafori o agli incroci si vedevano puntare la pistola in faccia per poi essere depredati dei contanti e degli oggetti di valore indossati. Le zone predilette dal criminale catanese erano quelle di Contrada Ombra a Pedara, il centro di Mascalucia e quello di Tremestieri Etneo. Attraverso una accurata ricostruzione per ogni singolo fatto reato, visionando le immagini di alcune telecamere attive nelle zone interessate dagli assalti, gli investigatori si sono accorti che l’uomo a compiere le rapine era sempre lo stesso. Una serie di approfondimenti info-investigativi ne hanno consentito l’identificazione seguita negli ultimi giorni da una serie di prolungati servizi di osservazione e pedinamento che sabato scorso hanno reso possibile l’arresto. L’uomo a bordo di un Scooter Honda SH, rubato a Catania lo scorso maggio, dotato di targa anch’essa risultata asportata ad Aci Catena lo scorso Agosto, con il volto travisato da un casco da moto aveva da alcuni secondi affiancato una utilitaria ferma al semaforo di Via Etnea a Tremestieri per rapinarne la donna al volante, quando i militari con perfetto tempismo sono intervenuti bloccandolo ed ammanettandolo. Perquisito sul posto è stato trovato in possesso di una pistola marca Bruni modello 92, poi risultata giocattolo e priva del tappo rosso. L’arma è stata sequestrata mentre lo scooter è stato restituito al legittimo proprietario.
Il fermato è ritenuto dagli inquirenti l’autore di almeno quattro rapine e di alcuni furti commessi nei comuni già precedentemente citati.
Rinchiuso nel carcere di Catania Piazza Lanza è stato già sottoposto all’interrogatorio di garanzia da parte del G.I.P. del Tribunale di Catania che ha convalidato il fermo confermando la custodia cautelare in carcere.
28.9.2017 – I Carabinieri della Stazione di Gravina di Catania hanno arrestato un 26enne catanese, su ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica del Tribunale di Catania.
Il giovane dovrà scontare la pena di 7 mesi e 28 giorni di reclusione poiché ritenuto colpevole di rapine aggravate in concorso, commesse rispettivamente il 10 giugno 2010 ad Aci Sant’Antonio e l’8 luglio 2010 a Catania.
L’arrestato, espletate le formalità di rito è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria. 28.9.2017 – I Carabinieri della Stazione di Santa Maria di Licodia hanno arrestato un 37enne catanese, su provvedimento restrittivo emesso dal Tribunale di Catania. Il GIP, concordando in pieno con le risultanze investigative fornite dai Carabinieri, ha ritenuto l’uomo colpevole di aver violato reiteratamente la misura degli arresti domiciliari cui era sottoposto e di lesioni gravi e minacce, reati commessi a Santa Maria di Licodia il 14 settembre scorso.
L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato associato nel carcere di Piazza Lanza, come disposto dall’Autorità Giudiziaria.